In questo articolo andremo a vedere come migliorare la visibilità del nostro profilo LinkedIn.

Fonte Foto: http://sanofibiogeneiuschallenge.ca

Fonte Foto: http://sanofibiogeneiuschallenge.ca

 



Era il 5 maggio 2003 quando fu lanciato il primo Social Network, prima anche di Facebook nato nel 2004, per professionisti. Il suo nome è LinkedIn.

Ad inizio anno ha superato i 200milioni di utenti, ma inizialmente eravamo veramente in pochi su questa piattaforma in particolare in Italia. Dal 2003 ad oggi è cambiato anche il modo di utilizzare LinkedIn.

 

ITALIANO O INGLESE?

Quando mi sono iscritto su LinkedIn, ormai nel lontano 2007, online si vedevano solamente profili in lingua inglese. Il motivo era perché la maggior parte degli utenti non era italiano e quei pochi italiani che erano presenti, un pò perché era cool avere il CV in inglese, un pò per farsi capire dalla maggioranza degli utenti avevamo tutti i profili in lingua inglese.

Adesso la situazione non è più così, il bacino italiano si è allargato molto e quindi la situazione lingua è cambiata. Se sei interessato al mercato di lavoro italiano ti consiglio di usare la lingua italiana, se invece sei interessato ad un mercato internazionale (o ad aziende italiane che hanno una presenza internazionale) allora continua ad usare la lingua inglese.

 

REGOLE SEO

Come dicevo inizialmente l’utilizzo di LinkedIn dal 2003 ad oggi è cambiato parecchio. Inizialmente il profilo LinkedIn era semplicemente un CV cartaceo messo su una pagina web, il quale aveva zero interazione.

Adesso la situazione è cambiata parecchio, LinkedIn si sta avvicinando sempre di più (a livello di funzionalità) alle modalità di utilizzo di altri Social Network più interattivi.

Se vogliamo uscire nelle prime posizioni nelle ricerche che effettuano le aziende su LinkedIn, leggete questo articolo per approfondire, bisogna seguire alcune regole semplici e su quelle ridisegnare il nostro profilo.

Prima di tutto sempre la verità, non spacciamoci per esperto di una determinata cosa se così non è.  Nel nostro profilo cerchiamo di utilizzare, il maggior numero di volte possibile, delle parole chiave che rappresentano il nostro lavoro.

Infatti la ricerca su LinkedIn funziona come la ricerca su Google. Se una azienda ha bisogno di cercare un “programmatore PHP” quello scriverà.  Se un professionista ha bisogno di cercare un collaboratore che è specializzato nello sviluppo di applicazione iOS scriverà “sviluppatore applicazioni iOS“.

 

CONCLUSIONI

Io ho applicato queste regole e questi sono stati i risultati:

linkedin
Se l’articolo è stato di vostro gradimento condividetelo il più possibile su tutte le piattaforme di Social Network.

Ad maiora

LETTURE CONSIGLIATE