E’ gratis e lo sarà sempre“, questa è la frase che si trova sulla pagina di log-in di Facebook. Se è vero che per gli utenti il Social Network rimane gratis è anche vero che da qualche parte i soldi devono entrare e per farlo serve la pubblicità. A luglio arrivano i video commerciali.

http://vector4u.com/2009/05/08/facebook-logo-eps/

http://vector4u.com/2009/05/08/facebook-logo-eps/


Facebook è gratuito, ma allora come ha fatto a trasformare Mark Zuckerberg da semplice nerd a ultra miliardario? Semplice, tramite la tanto cara e odiata pubblicità.

DIFFICILE DEBUTTO IN BORSA

Fin dalla sua nascita intorno a Facebook c’è sempre stata la paura che il Social Network, una volta ottenuti gloria e fama, diventasse a pagamento per soddisfare le “voglie” del suo creatore. Mr Zuckerberg ha sempre dichiarato che “Facebook è e rimarrà gratis“, ma da quando Facebook ha fatto il suo debutto “fallimentare” in Borsa (gli azionisti hanno perso il 50% del valore delle azioni in pochi mesi) la smania di monetizzare, da parte di Zuckerberg, è aumentata (forse anche sotto la pressione degli stessi azionisti).

PUBBLICITA’: ARRIVANO I VIDEO

Abbandonata l’idea di far diventare a pagamento Facebook (cosa che farebbe migrare in massa gli utenti verso Google Plus), l’unica alternativa è la pubblicità. Attualmente rappresenta l’80% delle entrate totali.  Zuckerberg ha iniziato con la pubblicità statica ( quella che vediamo alla destra della nostra HOME) per passare (da luglio) ai video commerciali.

Facebook lancia i video commerciali dopo una attenta analisi anche delle abitudini degli utenti. Infatti il management ha deciso questa mossa anche dopo aver visto la crescita (quasi esponenziale) delle connessioni Mobile.

I video commerciali avranno una durata di 15 secondi ed inizialmente appariranno senza audio, se poi l’utente è interessato attivando l’audio farà ripartire il video. I video saranno collocati al lato della pagina.

I primi brand a partecipare a questa campagna saranno: Coca Cola, Ford, Nestlé e American Express. Questa mossa, oltre ad avere un fine commerciale, è anche per lanciare una sfida a Twitter e al suo Vine.

CONCLUSIONI

Gli “esperti del settore” però sono molto scettici su questa mossa che, a dire loro, non piacerà agli utenti già annoiati dallo stesso Social Network. Facebook sarà disposto a sacrificare gli utenti per monetizzare di più ? Sarà un successo? Sarà un grosso fallimento? Decreterà il crollo finale di Facebook o lo consacrerà ancora una volta come il re dei Social Network?
 
 
Se l’articolo è stato di vostro gradimento condividetelo il più possibile su tutte le piattaforme di Social Network.

Ad maiora